Allo stand Honda, i riflettori sono tutti puntati sulla nuova CB1000R. I tecnici sono intervenuti ovunque, a partire dal concetto di moto: prima era una naked sportiva, ora una café racer. Il motore è rimasto 4 cilindri in linea raffreddato a liquido, ma grazie a profondi interventi ora eroga 145 cv. È assistito dall’elettronica: il nuovo comando del gas Throttle By Wire (TBW) regola 4 diversi Riding Mode (Rain, Standard, Sport e User, quest’ultimo customizzabile), che intervengono su potenza erogata, freno motore e controllo di trazione (HSTC). Non manca la frizione antisaltellamento e assistita, oltre a un impianto di scarico più leggero. Identica la struttura principale, con il monobraccio (più corto) e il telaio monotrave superiore in acciaio imbullonato a piastre in alluminio. Grazie anche alle nuove sospensioni regolabili Showa, la CB1000R ha quote più compatte (1.455 mm d’interasse, 25° l’inclinazione del cannotto) e pesa meno, ora 212 kg con il pieno di benzina (-12 kg). Disponibile anche la versione speciale CB1000R+ che di serie monta il Quickshifter, le manopole riscaldabili, il guscio monoposto e il parabrezza maggiorato. Sarà esposta al padiglione 22, stand O 48.

Notizie Correlate

6 novembre 2017

Honda X-ADV my 2018

7 novembre 2017

EICMA 2017 Stand Ducati

Tutte le News